Come ottenere una casa accessibile per i disabili

CaTurin Casa pro disabili ristrutturazioni Torino arredamento

Una persona che vive con l’ambiente casalingo un rapporto limitato, complicato e a volte pericoloso, manifesta difficoltà a rapportarsi con gli altri e con se stesso.

Per questo motivo è necessario che l’abitazione di un disabile o di un anziano con difficoltà motorie sia progettata non solo per integrarlo nell’ambiente in cui vive, ma anche per includerlo nella vita di ogni giorno.

Accessibilità

L’accessibilità di base, ovvero la previsione di soglie d’ingresso larghe e alte, se possibile l’assenza di scale, la predilezione per gli spazi aperti, può essere implementata con dei facilitatori, ovvero appositi complementi di arredo, dotazioni impiantistiche e ausili progettati sulle specifiche esigenze della singola persona con difficoltà motorie o sensoriali.

Inoltre, grazie alla domotica, è possibile attivare o spegnere a distanza un elettrodomestico, grazie a comandi vocali, battito delle mani o tramite uno smartphone.

La casa accessibile è quindi una casa senza barriere, moderna e tecnologica, bella e accogliente, come qualunque altra casa.

Ristrutturare un casa per disabili

Quando si decide di ristrutturare un’abitazione per renderla accessibile è necessario controllare che siano rispettati tutti i parametri relativi: al movimento orizzontale e verticale del disabile, alla navigazione gestuale e a quella visiva, alla comprensibilità uditiva; come anche i movimenti della carrozzina nello spazio e le diverse sedute in casa.

Inoltre è bene limitare i dislivelli e abbattere gli ostacoli e, se non fosse possibile, segnalarli appositamente per i non vedenti e gli ipovedenti.

Molto spesso si pensa che sia necessario separare gli ambienti esterni da quelli interni, ma in realtà non lo è; a volte basta integrarli con ausili, come maniglioni di appoggio, impianti montascale e servoscale.

Altra cosa importante è minimizzare gli arredi, in modo da facilitare i movimenti e collocarli ad un’altezza che siano facilmente raggiungibili anche per chi è in carrozzina.

Abbattere le barriere architettoniche

Per facilitare l’accesso alla casa è opportuno abbattere le barriere architettoniche.

Porte, corridoi e scale devono essere modificate al fine di aiutare la persona con disabilità a muoversi autonomamente.

I passaggi dovranno avere gli spazi adatti sia per il transito sia per la rotazione della sedia a rotelle.

Per ovviare al problema scale, si consiglia di utilizzare solo un piano, almeno per quanto riguarda gli spazi dedicati alle prima necessità: camera, bagno e cucina.
Per quanto riguarda i giardini è necessario fare dei piccoli interventi per renderli accessibili.

Se dovesse trattarsi solo di qualche scalino, il lavoro non sarebbe troppo complicato: basterà installare una rampa con la corretta pendenza.

Nel caso di più più scale occorrerà installare un montascale automatico, oppure munirsi di una sedia a rotelle apposita.

L’accessibilità nel bagno di casa

Per quanto concerne il bagno, il luogo più intimo di un’abitazione, è consigliabile:

• lasciare al centro dell’ambiente uno spazio sufficiente per consentire la manovra della sedia a  rotelle;
• attrezzare ogni parete con una sola funzione (bidet, doccia o wc);
• impiegare per i sanitari dei modelli sospesi, il cui ingombro è limitato;
• impiantare un piatto doccia a filo pavimento;
• utilizzare un pavimento antisdrucciolevole;
• prevedere aperture dedicate, a scorrimento o con apertura in entrambi i lati;
• prevedere dei maniglioni corrimano e un campanello di sicurezza.

L’arredamento accessibile

Il mobilio dovrà essere pensato ed organizzato per agevolare gli spostamenti e l’uso di utensili ed oggetti.

I ripiani dovranno avere la zona inferiore libera, che permetta il passaggio e movimento della carrozzina.
Inoltre, sarebbe opportuno usare mobili e pensili con pannelli scorrevoli e carrelli da trasporto di oggetti e vivande, faciliteranno le azioni e limiteranno gli spazi.

Un altro intervento fondamentale, inoltre, è l’installazione di interruttori e prese di corrente in modo da permettere che la persona disabile li raggiunga con facilità.

In aggiunta, installando dei comandi elettronici, che vadano a sostituire l’apertura e chiusura manuale, si favorisce una completa autonomia della persona disabile occupati.

Per una cucina ad elevata accessibilità noi di Ca’Turin ci serviamo dell’UTILITY SYSTEM, inventato da Scavolini, un innovativo sistema di elementi che riesce a trasformare una cucina in uno spazio accessibile per tutti (contattateci per maggiori approfondimenti in merito).

Credits http://www.utilitysystem.scavolini.com/it/

La casa è il luogo del nostro riposo e del nostro ristoro, dei momenti conviviali e di quelli rilassanti, perché dovrebbe essere diverso per una persona con disabilità o con difficoltà motorie? Una casa è una casa, per tutti.

Speriamo che i nostri consigli vi siano utili, in ogni caso non esitate a contattarci per ulteriori informazioni, i nostri professionisti vi aiuteranno per ogni vostra esigenza.

Contattaci per informazioni o per un preventivo

Seguiteci su Facebook per rimanere aggiornati sulle novità per la vostre case!

 

 

Condividi questa notizia
Altri articoli

Loft e Open Space

Come affrontare una casa con grandi spazi aperti Nello penultimo articolo vi abbiamo parlato di come ristrutturare e arredare una casa dalle piccole dimensioni. Oggi…