Loft e Open Space

shutterstock_1024719505

Come affrontare una casa con grandi spazi aperti

Nello penultimo articolo vi abbiamo parlato di come ristrutturare e arredare una casa dalle piccole dimensioni.
Oggi viriamo sull’opposto, ovvero su come progettare ed arredare loft e open space, che per definizione sono grandi spazi aperti.

Il fenomeno dei LOFT nasce nella prima metà del ‘900 per far fronte alla carenza di unità abitative, da un’idea di architetti nord americani che individuarono grandi spazi industriali oramai in disuso per trasformarli in abitazione.

Questi spazi industriali diafani, costituiscono oggi un posto nel quale vivere o lavorare.

La progettazione di un Open space

La prima cosa da fare è avere bene in mente come voler organizzare gli spazi, perché in questo caso non ci sono muri che delimitino le aree.

Fate uno schema sulla planimetria della casa e annotate le varie funzioni che gli spazi dovranno assumere.

Secondo il nostro architetto la progettazione degli spazi in questi ambienti deve tenere in considerazione che normalmente le finestre sono molto ampie, che non esistono muri divisori a compartimentazione degli spazi e che le altezze sono maggiori di quelle che ci si aspetta di trovare in un normale appartamento.

Gli ampi spazi e le metrature generose, consentono di ricavare spazi funzionali e spesso scenografici.

Lo spazio si sviluppa sia in orizzontale che in verticale; sempre nel loft è presente una scala che porta normalmente ad un piano ammezzato soppalcato, collocato al di sopra della zona del bagno e della cucina, che non necessitano di volumi con altezza così importante.

Lo sfruttamento dell’altezza consente di aumentare la superficie dell’ambiente, collocando in questi spazi “supplementari” le stanze per gli ospiti o lo studio.

La zona soggiorno è invece normalmente la più ampia, sia per dimensioni in pianta che in altezza.

Grandi vetrate di stampo chiaramente industriale sono elementi caratterizzanti della zona giorno.

Il loft non ha balcone ma eventualmente un lastrico solare (la superficie piana che è posta alla parte superiore delle strutture e svolge essenzialmente la funzione di copertura) di solito raggiungibile da scala interna.

Arredamento per loft e spazi aperti

Anche se i muri non ci sono, avete diversi modi per organizzare lo spazio attraverso gli elementi di arredo: librerie bifacciali, tende da attaccare al soffitto, separé o, meglio ancora, creare soppalchi.

Per quanto riguarda la cucina un’idea potrebbe essere quella di utilizzare una grande isola che separi visivamente la cucina dal soggiorno, sulla quale inserire una delle ultime tendenze in fatto di zone cottura, i piani ad induzione con cappa integrata.

Per quanto riguarda i materiali e i colori adatti ad un loft, colori scuri, pietre naturali e inserti legno saranno il giusto complemento al ferro e cemento della struttura del fabbricato.

Gli elementi strutturali sono spesso elementi di arredo e decorazione: putrelle in ferro a vista intercalate da vecchi mattoni o setti in cemento diventano elementi essenziali di arredamento.

L’industrial design è uno stile che nasce in questi luoghi: acciaio o ferro ossidato alternati a cemento e legno.
Lo stile Industriale, oggi di tendenza nelle linee di arredamento, ben si adatta a questi ambienti.

 

Infissi per Loft e open space

Uno degli stili che più ricorre nei loft ed open space è il cosi detto “industriale”.Si tratta di uno stile che fa riferimento alle fabbriche e utilizza infissi che ricordano le grandi vetrate industriali appunto.

Un esempio sono gli infissi in Corten, che grazie al color ruggine si sposa bene con gli inserti in ferro, inoltre sono piacevoli al tatto e, nelle ultime produzioni, sono anti-effrazione e con capacità insonorizzanti.

Creare o ristrutturare il bagno di un open space

Purtroppo, come abbiamo detto, gli spazi di un loft devono essere riorganizzati per via dell’assenza di pareti e uno degli elementi da tenere in considerazione è lo spazio per il bagno che potrebbe essere cieco o sfruttare in parte le vetrate, magari affacciandosi su un giardino privato che aumenti la sensazione di relax, oggi così ricercata negli spazi dedicati al benessere.

Per ristrutturare un loft è necessario rivolgersi ad un professionista che indichi il dimensionamento minimo delle stanze e valuti il rapporto illuminante nelle stesse, che verifichi la fattibilità di soppalchi e scale interne, che analizzi lo spazio circostante e l’area in cui il loft è collocato.

Speriamo che i nostri consigli vi siano utili, in ogni caso non esitate a contattarci per ulteriori informazioni, i nostri professionisti vi aiuteranno per ogni vostra esigenza.

Contattaci per informazioni o per un preventivo

Seguiteci su Facebook per rimanere aggiornati sulle novità per la vostre case!

Condividi questa notizia
Altri articoli